A Mediaset effetto Noemi: meno Meteorine per Fede e casting unici

A Mediaset effetto Noemi: meno Meteorine per Fede e casting unici

Basta con i casting ad personam e tagli ai costi, partendo dal dimezzamento delle Meteorine di Emilio Fede: per evitare scandali e per far quadrare i budget Mediaset corre ai ripari

    Basta con i casting ad personam e tagli ai costi, partendo dal dimezzamento delle Meteorine di Emilio Fede: per evitare scandali e per far quadrare i budget Mediaset corre ai ripari. Per selezionare ‘ospiti’ femminili (maschili) nei programmi di News bisognerà passare per l’Ufficio Casting Mediaset: un modo per evitare provini ‘personalizzati’ come quello che Fede fece a Noemi Letizia.

    L’Austerity corre anche nei corridoi di Cologno Monzese: non è solo la Rai ad avere problemi di budget, anche Mediaset cerca di tenere a freno i costi, anche perché Piersilvio Berlusconi è fermamente intenzionato a non tagliare il personale. Non vuole licenziamenti all’ombra del Biscione, meglio, piuttosto, risparmiare soprattutto nel comparto news e informazione, ormai sempre più commisto all’entertainment. E così a farne le spese per primo sarà Emilio Fede, orgoglioso padre del rinnovamento dell’informazione meteo (che ha portato poi a storture come la coppia Paolo Corazzon/Barbara D’Urso o alle previsioni di Lina Wertmuller) che già nel 2003 sostituì nel suo Tg4 i colonnelli dell’Areonautica con più graziose donzelle da lui direttamente selezionate.


    Ebbene, Fede dovrà mettere da parte il suo istinto da talent scout: innanzitutto è stata ‘soppressa’ la Meteorina della 14.00; resiste solo quella delle 19.30 ed il ruolo è ora andato a Francesca Lete, già valletta di Gerry Scotti e direttamente scelta dall’Azienda. Un modo anche per evitare che possano ripetersi provini ad personam, come quello che Fede ammise di aver fatto alla ‘segnalata’ Noemi Letizia.

    Fede, però, non l’ha presa troppo bene e una volta ricevuta la circolare inviata dalla dirigenza a tutto il comparto News del Biscione ha chiesto immediatamente chiarimenti a Piersilvio. Ma il direttore del Tg4 dovrà farsene una ragione: non ci sembra una misura così sbagliata e non si può certo dire che sia un ‘sabotaggio’ della sinistra.

    342

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI